ASCOLTO IL TUO CUORE, CITTÀ 2014 – spazio teatrale di partecipazione

Ricomincia il laboratorio teatrale sulla città!

appuntamento VENERDÌ 18 ottobre 2013 alle ore 21.30

in occasione dello spettacolo “CANTARE IL TEATRO – festa di canzoni e parole”:

 

presentazione del nuovo anno di lavoro

accorrete numeros* ed entusiast* !!!

Il teatro come spazio, tempo, incontro,
dove fermarsi tutti insieme e provare a sognare e immaginare una città diversa.
La domanda che ci accende è: quale forma assume oggi il teatro per parlare
al mondo che ci circonda?

_IN SINTESI

Per il quinto anno MinimaTheatralia propone il laboratorio ASCOLTO IL TUO CUORE, CITTÀ – spazio teatrale di partecipazione, sempre aperto allo scambio attivo di idee e di esperienze. Il corso prevede l’approfondimento delle tecniche teatrali: training fisico e vocale, elaborazione drammaturgica e studio del personaggio.

La musica dal vivo accompagnerà tutto il laboratorio, diventando parte integrante del lavoro.

Un gruppo formato da cittadini e artisti si confronterà sull’osservazione del quartiere e della città per fare della creatività uno strumento di comunicazione e cambiamento.

Come ogni anno ci sarà un ospite d’eccezione, il 2014 vedrà il contributo di BEBO STORTI, famoso attore di cinema e teatro, storico collaboratore del Teatro della Cooperativa.

_ ECCO A VOI IL 2014 – “WILLIAM SHAKESPEARE, I SUPPOSE”

Direttamente dall’Inghilterra del XVI – XVII secolo, giungerà in mezzo a noi, poveri mortali, il grande William Shakespeare! Vedrete con i vostri occhi, Niguarda tramutarsi nella romantica Verona, via Ornato mutare nell’antica Roma oppure il piazzale della Bovisa divenire un regno magico, abitato da fate e folletti.

Il nostro obiettivo? Portare le opere del grande Bardo anche nella periferia, attraverso un intreccio di citazioni delle sue indimenticate opere teatrali.

Il risultato? Un gran carosello in cui l’accostamento inconsueto fra Macbeth e Romeo e Giulietta, l’improbabile attualizzazione di Otello e la riscrittura del celebre monologo del Riccardo III, non faranno mancare strardinari effetti comici.

Questo offriremo alla nostra città e al nostro quartiere.

_ L’EVENTO FINALE

L’obiettivo è quello di costruire un evento finale che si definirà attraverso il contributo di ognuno secondo il principio della partecipazione. L’esito del laboratorio andrà in scena per tre repliche consecutive:

  1. a Niguarda nell’ambito della manifestazione Teatro nei Cortili del TEATRO DELLA COOPERATIVA;
  2. in Bovisa come evento speciale della rassegna di ScigheraTeatro BRUME DELLA RIBALTA. Il laboratorio è infatti legato alla sesta edizione della rassegna teatral-nebbiosa della Scighera attraverso la visione degli spettacoli e incontri con gli artisti ospiti. Minima Theatralia continua inoltre la sua collaborazione con le associazioni dei quartieri Bovisa e Niguarda, coinvolgendole nella progettazione e realizzazione del laboratorio.
  3. 3.   Nell’ambito del festival estivo della città di Bresso

_ DOVE, QUANDO E QUANTO

Tutti i Giovedì dalle 20.30 alle 23.00
dal 14 novembre 2013 fino al 26 giugno 2014

presso la sala della Cooperativa ABITARE – via Ornato, 7 (citofono CdQ) – Zona Niguarda

30 lezioni per 90 ore complessive + prova generale (4 ore) + 3 repliche dello spettacolo:
1)Iscrizione (comprensiva di tessera ARCI e tessera MinimaTheatralia): € 25,oo

2) Pagamento quota complessiva: € 390,oo oppure pagamento in due rate da € 200,oo l’una

(il costo del laboratorio – costo orario: 4 euro – è così ridotto grazie al sostegno della cooperativa ABITARE, del circolo PD Francesco Rigoldi  e del Consiglio di zona 9 di Milano)

Possibilità di partecipare a una LEZIONE PROVA !!!

Non è necessario avere esperienza teatrale!

Per iscrizioni e informazioni scrivi una mail a teatro@scighera.org

_ CHI

ideazione e coordinamento Marta Maria Marangoni

supervisione artistica Piero Lenardon

docenti Marta Maria Marangoni, Virginia Zini

e con lo straordinario contributo di BEBO STORTI del Teatro della Cooperativa

musicista Fabio Wolf
organizzazione Francesca Di Girolamo, Valentina Sturiale
consulenza Giulia Innocenti Malini (docente di Teatro Sociale presso Università Cattolica)
assistente Bahaa Bakarr
sound Pasquale Pako Balzano
costumi William Maddaloni
video Francesco Cannito

foto di scena Matteo Colombo, Alberto Scarpinato, Veronica Zampol

in scena ci saranno gli attori-cittadini e l’attrice di MinimaTheatralia Livia Bonetti

_C’ERANO UN VOLTA IL 2010, 2011, 2012 e il 2013

La riflessione inizia in un luogo ben preciso connotato da sogni, legami e rivendicazioni. Ci troviamo a un tavolo della Scighera a parlare di quello che manca in questa città che amiamo e odiamo allo stesso tempo, in cui sì viviamo, eppure dalla quale vogliamo fuggire. Inevitabilmente pensiamo al teatro come spazio, tempo, incontro. Come incontro con l’altro, con cui condividere il desiderio di eludere la routine frenetica del quotidiano e fermarsi a guardare ciò che ci tocca da vicino. Per poter sognare, immaginare, creare. La domanda che ci accende è: quale forma assume oggi il teatro per parlare al mondo che ci circonda? Qui nasce l’idea di un laboratorio finalizzato alla ricerca e alla sperimentazione di nuove modalità performative che attraversino il teatro, rimanendo in dialogo con le altre discipline artistiche. Uno spazio teatrale di partecipazione sempre aperto a nuove forze che permette lo scambio continuo di idee e di esperienze non solo attraverso la pur importantissima riflessione teorica, ma anche con la pratica di tecniche e modalità espressive.

2010 – Il primo anno di laboratorio ha portato alla creazione di materiali teatrali molto diversi sul tema della città, che sono stati composti e messi in scena in uno spettacolo che ha abitato tutti gli spazi della Scighera, dall’osteria al salone, al grande soppalco, dove abbiamo allestito una mostra. Il pubblico era condotto dagli attori nei diversi luoghi dell’azione (Ecco il video de La Scrofa Mediolanuta)

2011 – L’anno successivo il lavoro si è incentrato sullo spazio urbano. Abbiamo collaborato con le associazioni della zona (Asnada-scuola di italiano per stranieri, Il mercatino della Bovisa, il Consiglio di Zona 9, il collettivo F84, Connecting Cultures). La performance è andato in scena nel grande piazzale della stazione Bovisa (Ecco il video de L’invasione Dei Nostri Corpi).

2012 – La riflessione sulla città ideale si è ispirata al testo Ascesa e rovina della città di Mahagonny, opera musical-teatrale di Bertolt Brecht: riscrivendo Brecht, abbiamo voluto fare un viaggio nella città della truffa, dell’inganno e della violenza. M. la città in cui nulla è proibito, è una città-paradiso dove ogni desiderio può essere soddisfatto, a condizione di avere i soldi per pagarselo. Questo il trailer dello spettacolo: M. The New Paradise City

2013 – Lo scorso anno abbiamo continuato il nostro percorso con Il Teatrino delle Meraviglie, dal famoso autore di Don Chisciotte, Miguel de Cervantes. La trama: Due commedianti imbroglioni e bricconeschi portano in scena il loro spettacolo. Le meraviglie del teatrino, però, possono essere viste solo da chi non abbia sangue ebreo nelle vene. In realtà nessuno vede nulla perché non c’è nulla da vedere, ma tutti affermano di vedere per non compromettere la propria reputazione. Abbiamo riscritto l’opera lavorando sul tema attualissimo dell’illusione e dell’immagine. Presto online il video!

_PROGRAMMA IN PILLOLE

Partendo da esercizi di improvvisazione e tecnica teatrale, il gruppo si concentrerà infine sull’allestimento dello spettacolo. Si lavorerà in piccoli sotto-gruppi di 3-4 attori massimo e a un atto iniziale e finale collettivo. Si sta pensando a una performance itinerante con il coinvolgimento diretto degli abitanti dei luoghi interessati.

  • Esercizi di rilassamento, esercizi per la postura;
  • Giochi di riscaldamento (per il consolidamento del gruppo, per la concentrazione, per la memoria, etc);
  • Training fisico (scomposizione e composizione – da Grotowski);
  • Esercizi per la consapevolezza dell’utilizzo dello spazio (da Peter Brook);
  • Esercizi per la respirazione, la proiezione vocale, l’articolazione;
  • Intonazione, canto individuale e corale;
  • Studio del ritmo, esercizi per potenziare la creatività;
  • Lavoro sulla ricerca e sull’interpretazione del personaggio, sulla sua contromaschera, dialogo e interazione fra i personaggi, coro, improvvisazioni a tema;
  • Elementi di drammaturgia e scrittura scenica;
  • Lavoro sul testo, elaborazione drammaturgica dei materiali;
  • Ricerca di musiche, costumi, scenografia;
  • Allestimento e messinscena.

 

Marta Marangoni, attrice del Teatro della Cooperativa diretto da Renato Sarti dal 2001, collabora stabilmente con la Filarmonica Clown dal 2006.

Si occupa della rassegna teatrale della Scighera dal 2007 ed è presidente dell’associazione MinimaTheatralia che svolge progetti di teatro nel sociale. Insegna teatro nelle scuole, nelle associazioni e nei più svariati contesti.

Ha recitato come attrice-cantante presso la Biennale di Venezia, presso il Sozietas Theater di Dresda e di Berlino con Annette Jahns (collaboratrice di Pina Bausch). Laureata in lingue all’Università statale di Milano, si specializza in Teatro Sociale presso il CRT di Milano (2008-2011 Master con Università Cattolica). Ha collaborato fra gli altri con Serena Sinigaglia (ATIR) e Matthias Langhoff (Napoli Teatro Festival). Selezionata nel 2012 nel Masterclass con il regista Fadhel Jaibi (Tunisia) presso il Piccolo Teatro di Milano. E’ l’unica trentenne a Milano che parla correntemente il dialetto milanese. Vive a Niguarda e ama il suo quartiere e la sua gente.

 

Share Post :

Lascia una risposta